SFONDO_OFFICINA.jpeg

Our partners

DSC_0029_edited.jpg
UNICO ENERGIA
 

L’azienda Unicoenergia è una Energy Service Company operante nel mercato libero dell’energia elettrica e del gas, che offre servizi integrati di fornitura di gas&power, soluzioni per l’efficienza energetica e mobilità elettrica per pubblici e privati.

 
Ringraziamo Unicoenergia in quanto da anni investe in R&S sostenendo attivamente la nostra squadra. 
L’azienda infatti oltre a fornire materiale elettrico e meccanico per la vettura, tra cui gli elementi costituenti il nucleo del sistema di trazione (inverter e motori), offre all’E-Team una sede ampia e attrezzata per l’officina dove i nostri ragazzi possono lavorare al fine portare a termine il nostro ambizioso progetto.

BEOND_edited.jpg
BEOND
 

BeonD è una PMI innovativa, che offre servizi di ingegneria avanzata per il settore automotive e non solo, progettazione e prototipazione di pacchi batterie con custom BMS e attività di testing e performance engineering.

L'azienda ambisce a diventare un player di riferimento globale per le tecnologie legate ai materiali, ai software adattivi ed ai sistemi di trazione per la E-mobility.

Ringraziamo Beond per averci fornito il battery management system e per tutto il supporto tecnico e produttivo nella progettazione e realizzazione dell’intero pacco batterie high voltage, che ci permetterà di alimentare l’intero sistema di trazione del veicolo.

 

Inoltre siamo grati a Beond per averci seguito e supportato durante tutta la progettazione e produzione della vettura.

Kineton è una società di consulenza all'avanguardia che lavora stabilmente nei settori automotive, aerospace e media. L'azienda si occupa principalmente di software, sia per ciò che concerne lo sviluppo sia per ciò che concerne il test e la validazione.

Ringraziamo Kineton per il supporto che fornisce nostro ambizioso progetto, fornendoci assistenza tecnica e la componentistica elettrica necessaria a realizzare il cablaggio low voltage.

 
KINETON
KINETON.png
 
logo comind 300dpi.png

Tutti i dispositivi e i sistemi elettrici High Voltage e Low Voltage presenti in vettura sono collegati tra loro mediante cavi elettrici. In una vettura elettrica il cablaggio, poiché è necessario sia ai sistemi di controllo che di trazione, richiede una lunga fase di studio e progettazione seguita da una successiva produzione in cui si effettuano i tagli, le crimpature dei connettori e l’installazione di tutto il cablaggio all’interno del veicolo.

L’intero cablaggio progettato per la T-ONE-EVO prevede circa 150 tagli per i cavi in bassa tensione e 50 per quelli in alta tensione e un totale di 30 connettori tra quelli HV ed LV.

Per la realizzazione del wiring della vettura ringraziamo Comind Srl che ci fornisce supporto tecnico durante la progettazione e ci consente la sua produzione tramite apposite attrezzature ed un personale qualificato.

COMIND
CMP_edited.jpg
 
CMP LASER

CMP laser è un’azienda specializzata nel taglio a laser ad altissima precisione, ma anche piegatura e lavorazioni per esportazione di truciolo, mediante un parco macchine all’avanguardia.

 

L’azienda supporta la nostra realtà attraverso la realizzazione di quasi la totalità dei componenti che necessitano una lavorazione a laser, dai più complessi come i dischi freno ai svariati supporti che verranno poi saldati alla struttura primaria della vettura. La versatilità nella scelta dei materiali utilizzabili ci consente di spingerci in fase di progettazione verso scelte innovative.

 

Ringraziamo l’azienda CMP laser per essere entrata a far parte delle aziende che credono nel nostro progetto e per l’immensa disponibilità mostrata verso le nostre esigenze e l’altissima precisone dei componenti.

COELMO_edited.jpg
 
COELMO

COELMO ci ha supportato realizzando a laser i vari pannelli di alluminio da 0,5 mm che compongono la firewall, un elemento fondamentale per regolamento della FSAE, che separa il pilota e tutto l’abitacolo dai vari componenti HV situati nel retro della vettura; inoltre ha realizzato per noi dei distanziali in alluminio che si interpongono tra il cerchione e il mozzo della ruota.

BACOGAS_edited_edited_edited.jpg
BA.CO.GAS.

BA.CO.GAS, azienda Leader del “Gruppo Baiano” opera dal 1963 nel settore della distribuzione dei carburati nel Centro e Sud Italia.  Grazie alla passione e dedizione dei suoi proprietari l’azienda ha esteso negli anni il suo core business crescendo giorno dopo giorno sempre di più fino ad incontrare il mondo dell’Elettrico.

 

Ringraziamo quindi il Gruppo Baiano che, con la sua continua ricerca d’innovazione e attenzione verso fonti energetiche rinnovabili, sosterrà d’ora in poi il nostro ambizioso progetto.

 
 

Recentemente Xometry ha supportato il team di formula student dell’Università Federico II di Napoli, la più antica università pubblica del mondo, producendo CNC di precisione. Abbiamo parlato un membro dei gruppo UniNa Corse E-Team, riguardo al progetto ingegneristico e alla competizione di Formula SAE.

X: Raccontaci della competizione di FSAE a cui partecipate.

U: La Formula SAE è una competizione studentesca per la progettazione di auto da corsa; il concept prevede che un’azienda fittizia di produzione stipuli un contratto con una squadra di studenti per progettare e sviluppare una macchina da corsa sullo stile della Formula. Ogni Team, costruisce e testa un prototipo basato su una serie di regole, le quali riguardano da un lato la sicurezza in pista (le auto sono pilotate sempre da studenti) e dall’altro la promozione di un problem solving che sia brillante.

X: Interessante! Quanto è grande il vostro team?

U: la nostra squadra conta circa 90 studenti, divisa in 4 aree: meccanica, elettrica, marketing e comunicazione e, infine, static event.

X: Quindi, come progettate la vostra macchina? Viene costruita da zero?

U: Sì. I parametri fondamentali che usiamo nella progettazione della nostra vettura riguardano i dati sperimentali provenienti dalla nostra esperienza in pista. In questa esperienza di progettazione, ognuno di noi può mettere alla prova le proprie skills, acquisite dal nostro percorso di studi, come la capacità di saper usare software come CAD, FEM, CFD e altri. Inoltre, collaboriamo con molte aziende per la produzione di diverse parti ed elementi da noi progettati. Infine, assembliamo la monoposto e la testiamo in pista.

X: Fantastico! E’ un esperienza ingegneristica reale. Il vostro Team progetta da sé anche il motore o prendete dei modelli già pronti?

U: Per quanto riguarda il motore, noi prendiamo un modello già pronto ma, anche in questo, cerchiamo sempre di essere innovativi. Usiamo la trazione integrale individuale che consente a tutte le ruote di ricevere il torque da diversi motori, indipendenti gli uni dagli altri. Il nostro compito è quello di implementare il sistema di controllo ad ogni motore.

X: Potresti dirci qualcosa in più riguardo al progetto di cui Xometry fa parte? E’ un aggiornamento, uno sviluppo, di un prototipo precedente?

U: La partnership con Xometry è essenziale per il nostro progetto perché ci aiuta a migliorare la nostra auto. Dopo la produzione della prima monoposto nel 2019, stiamo lavorando per rendere la nuova vettura ancora più competitiva. Grazie a Xometry e alle CNC machined parts di cui ci avete fornito, riusciremo ad avere migliori risultati in pista, i quali ci serviranno come feedback per la competizione che affronteremo nel 2021.

 

X: Di quali elementi avevate bisogno?

U: Avevamo bisogno di alcune parti per la pedaliera, in modo particolare era necessario avere le piattaforme per il freno e per il pedale di accelerazione. Inoltre, ci servivano alcune parti per l’assemblaggio delle ruote, ovvero di alcuni anelli per il sistema di tenuta d’olio.

X: Nel vostro Team c’è un leader o qualcuno che vi supervisioni?

U: Il nostro Team Leader, Antonio Vozza, è colui che coordina tutto in squadra, insieme all’aiuto di alcuni professori.

X: Invece, per quanto riguarda le sfide… nella costruzione di una macchina ne avete parecchie, giusto? Quali sono le sfide più grosse da affrontare?

U: E’ tutto una grande sfida. Progettare e costruire una macchina nuova di zecca, perfettamente funzionante, contando solo sulle le nostre competenze, mentre siamo impegnati nei nostri studi universitari, e competere con altri studenti provenienti da diverse parti del mondo come Team, fondamentalmente, giovane: è una grande sfida.

X: Quali sono i compiti che affrontate nella progettazione di nuovi elementi?

U: Lavoriamo sulla progettazione degli elementi a 360 gradi. Partiamo da un disegno, lo rielaboriamo in CAD 3D e successivamente facciamo un’analisi strutturale per verificare la resistenza ai carichi a cui è sottoposto, attraverso software FEM. Infine, disegniamo il modello 2D e scegliamo le tolleranze corrette. Alla fine di questo processo, possiamo produrre il pezzo.

X: Siete soddisfatti della qualità dei pezzi che avete ricevuto?

U: Siamo davvero molto soddisfatti della qualità degli elementi, rispettano tutte le caratteristiche che abbiamo chiesto, dai materiali alle tolleranze. Abbiamo ricevuto le componenti in tempo e siamo davvero grati a Xometry poiché, grazie a voi, siamo sempre più vicini al completamento dell’auto.

X: Quindi, quali sono i vostri piani?

U: Stiamo riprogettando la nostra auto per avere performance migliori anno dopo anno e vogliamo ampliare la nostra visibilità sul web in modo che il nostro Team sia sempre più conosciuto.

X: Fantastico! Vi auguriamo buona fortuna e tiferemo per la vostra squadra!

 
PCM_edited.jpg
PCM GROUP

L'azienda PCM Group S.R.L. si propone come leader nella costruzione di componenti di motori e di strutture nel settore aeronautico. Dal 2018 supporta il nostro progetto con la realizzazione di componenti meccanici di altissima precisione.

Per la stagione sportiva 2020-2021, P.C.M. ci ha supportato realizzando componenti di svariati assiemi della vettura, tra cui componenti complessi lavorati tramite macchine a controllo numerico a 5 assi, come i pedali di freno e acceleratore, realizzati in lega di alluminio 7075T6, garantendo il giusto trade off tra leggerezza e resistenza meccanica.

Ancora PCM Group S.R.L. ha realizzato per noi gli attacchi motore, componenti in alluminio che consentono di collegare solidalmente i nostri 4 motori elettrici presenti all'interno delle ruote, con i rispettivi upright del gruppo ruota e degli elementi a C che consentono di collegare i tiranti di sterzo allo stesso upright.

In ultimo, P.C.M. ha realizzato per noi degli elementi ad altissima precisione realizzati mediante tornitura, utili all'assemblaggio dell'assieme pedaliera. Cogliamo l'occasione per rinnovare i ringraziamenti a PCM Group S.R.L., sostenitore storico del nostro ambizioso progetto, per l'aiuto e il supporto nella realizzazione di componenti essenziali nella realizzazione della vettura. 

 
3DNA_edited.jpg
3DNA

Come prevede il regolamento della FSAE, il sistema sterzante deve avere degli “stop” posizionati sulla cremagliera. C’era inoltre il bisogno di rendere solidali il sensore di sterzo e quest’ultima. È stato, quindi, progettato e realizzato tramite additive manufacturing in alluminio un componente che potesse realizzare simultaneamente le nostre necessità.

Il fermacorsa è diviso in due parti: una superiore, dove sono presenti i denti e l’attacco per il sensore, e una inferiore, collegate tramite apposito pin. I componenti hanno una forma particolare, e dunque, il modo migliore per produrli è la stampa 3D in PA 12.

Il distanziale della pedaliera, sempre prodotto da in stampa 3D, è un componente coassiale al fulcro e serve a mantenere la giusta distanza tra il pianale e il fusto del pedale, in questo modo il moto laterale del fusto è sempre bloccato.

 
TME_edited_edited.jpg
TME
Test and Manufacturing Engineering

Il sistema elettronico della T-ONE EVO è composto da una serie di circuiti elettronici implementati su PCBs (Printed Circuit Boards) collocate in diversi punti della vettura ed interconnesse tra loro.
Una PCB è una piastra realizzata in materiale dielettrico (tipicamente FR-4) : essa fornisce un supporto meccanico per i componenti elettronici e permette, mediante delle piste metalliche, i collegamenti elettrici tra questi.
Un circuito stampato può essere composto da uno o più “layers” isolati tra loro, in maniera tale da permettere la realizzazione di collegamenti tra i componenti anche nei circuiti elettronici più complessi.

BERARDI_edited_edited.jpg
 
BERARDI

L’azienda Berardi Bulloneria supporta la nostra squadra da anni, tant’è che è una delle aziende che ci supporta dall’inizio del progetto, fornendoci tutti i componenti necessari all’assemblaggio e al montaggio degli assiemi della vettura, come ad esempio: organi di collegamento filettati, organi di collegamento smontabili, organi di collegamento permanenti.

Inoltre grazie all’altissima qualità dei loro prodotti, consente di spingerci molto nella progettazione, mettendo a disposizione prodotti di pregiata fattura e di considerevole resistenza.

Insomma, grazie al supporto di Berardi Bulloneria, le varie singole parti prendono forma, dando vita ad assiemi complessi.

Vitibullonipernidadirosette, anelli elastici e tanto altro, sono organi di fondamentale importanza nel processo di realizzazione della nostra vettura e per questo ringraziamo Berardi Bullonerie per il loro supporto!

BULLONERIE
ALGOR_edited.jpg
 
ALGOR

Il polistirene estruso XPS è un materiale estremamente versatile, che si presta a diversi utilizzi sulla nostra vettura.

Grazie alle sue caratteristiche di leggerezza (densità pari a circa 35 kg/m3) ed elevata resistenza alla compressione, risulta ideale per essere usato come struttura interna delle ali in fibra in carbonio.
I pannelli e i blocchi in XPS, inoltre, possono essere facilmente tagliati e sagomati in forme anche complesse. In questo modo, grazie alla loro superficie liscia e compatta, vengono utilizzati come base per la realizzazione degli stampi di tutti i componenti del nostro aerokit.

bender2_edited.jpg
 
BENDER

Bender è un'azienda specializzata nell'ambito della sicurezza elettrica. L'azienda, leader nel suo settore a livello mondiale, opera nel campo automotive ma anche, più in generale, nella branca del rinnovabile e con una particolare attenzione alle attrezzature destinate all'uso nel settore medicale.

L'insulation monitoring device, fornitoci sotto gentile concessione di Bender, è un dispositivo essenziale per la sicurezza del nostro veicolo elettrico. Questo dispositivo, richiesto dal regolamento ufficiale della competizione, misura e monitora lo stato di isolamento galvanico tra i circuiti in alta e bassa tensione.

Esso ha il compito di intervenire ed aprire i contattori di sicurezza con velocità qualora dovesse venire a mancare l'isolamento elettrico tra i due circuiti.

st_edited.jpg
 
ST Microelectronics

ST è un’azienda leader nella produzione di semiconduttori.
La società sviluppa tecnologie innovative per settori come Smart Mobility, Power & Energy e IOT con particolare attenzione al tema della sostenibilità ambientale.
Si afferma inoltre come uno dei più grandi produttori di circuiti integrati destinati ad applicazioni industriali, smartphone, sistemi embedded, computer e molte altri!

Ringraziamo STMicroelectronics che da sempre supporta il nostro progetto fornendoci i microcontrollori che utilizziamo per la nostra Electric Control Unit e le board di sviluppo usate per il testing di sensori e attuatori presenti sul nostro veicolo

 
A.M.P

AMP è un’azienda specializzata nella meccanica di precisione, con applicazioni in svariati ambiti industriali, siderurgico, automotive e navale.

 

AMP sostiene il nostro progetto dalla stagione sportiva 2018-2019, avendo contribuito alla realizzazione della prima monoposto attraverso la realizzazione di numerosi componenti.

 

Per l’attuale stagione sportiva l’azienda supporta il nostro team attraverso la realizzazione di componenti ad altra precisone, come i supporti per il battery pack HV, componenti realizzati mediante tornitura, come varie boccole distanziali per gli snodi sferici della sospensione, elementi di tenuta per i cuscinetti.

 

Ringraziamo AMP per il supporto e la disponibilità che da anni mostrano verso la nostra realtà e per la costante fiducia che ripongono nei nostri mezzi.

AMP B.png
MECCANICA%20FAGGIO_edited_edited_edited.
 
MECCANICA FAGGIO

L’azienda Meccanica Faggio, per questa stagione, ci ha aiutato nella produzione di componenti facente parte del gruppo ruota; nel dettaglio ci riferiamo all’accoppiamento tra la sospensione e il portamozzo.
Il sistema di regolazione dell’angolo di campanatura influisce notevolmente sulle performance del veicolo. Quest’ultimo è formato da un componente di forma a C in alluminio in cui sono praticate delle cave per far alloggiare i due corpi eccentrici, la cui rotazione permette la regolazione e del Camber.
Per bloccare la rotazione, relativa della boccola rispetto alla C, sono stati praticati dei fori grazie a lavorazioni di notevole precisione, con i quali verranno accoppiati dei pin posti sugli eccentrici atti a vincolarne il movimento.  Altro componente sono i nottolini, elementi necessari al montaggio del disco freno, nel sistema frenante di tipo flottante, che servono a bloccare assialmente il disco freno rispetto al mozzo. Ricordiamo che sono anch’essi organi che necessitano notevole precisione data la piccola cava in cui andrà inserito l’anello elastico Benzing.

RS_edited.jpg
 
ROHDE & SCHWARZ

Rohde & Schwarz è una azienda elettronica specializzata nella strumentazione di misura, sorveglianza a distanza e comunicazione radio. L'azienda fornisce prodotti per l'industria elettronica, aeronautica, difesa e sicurezza, infrastrutture critiche.

Ringraziamo Rohde & Schwarz che ci sostiene fornendoci le strumentazioni di misura dall'importanza critica nella realizzazione, prototipazione e messa in sicurezza di tutti i sistemi elettrici con cui abbiamo a che fare nella nostra officina.

 

La gentile concessione dell'eccezionale oscilloscopio a 4 canali dotato di generatore di funzioni integrato ci ha consentito di esaminare entrambi segnali di controllo e di potenza.

SOLIANI_edited_edited.jpg
 
SOLIANI

Iwiring dei segnali a bassa tensione, specie per quelli critici nel controllo della monoposto, è un problema non di poco conto, a causa della presenza di enormi sorgenti di rumore elettromagnetico, provenienti in particolare da Inverters motori.

L'utilizzo di prodotti per la schermatura dai campi elettromagnetici come calze metalliche o spray conduttivi, ci permette di ridurre il pericolo di interferenze potenzialmente critiche per il controllo della vettura.

SCHAEFFLER_edited_edited.jpg
 
SCHAEFFLER

L’azienda Schaeffler, leader mondiale in ambito automotive e industriale, supporta il nostro progetto dal 2018 fornendoci i componenti necessari alla produzione della vettura, quali snodi sferici, cuscinetti a sfere, cuscinetti a rullini e tutto ciò che concerne il campo della trasmissione di moto e potenza.

 

Nella nostra vettura i prodotti Schaeffler sono utilizzati, ad esempio, all’interno dei riduttori epicicloidali, che costituiscono il nostro sistema di trasmissione, all’interno del sistema sterzante dove, grazie all’utilizzo di cuscinetti a rulli conici, abbiamo un ottima trasmissione del moto dal volante alla scatola di sterzo.

 

Cogliamo l’occasione per ringraziare l’azienda Schaeffler per il continuo supporto che mostra verso il nostro progetto

PCB Direct Lab
In costruzione...
Logo_pcb.png
 
banner1.jpg
 
CITTA' GOMME
In costruzione ...
TORNERIA BCZ

La torneria B.C.Z. supporta il nostro progetto attraverso la realizzazione di componenti fondamentali per l’accoppiamento del disco freno con il mozzo: i nottolini. Sono dei componenti cilindrici flangiati che si innestano in apposite cave realizzate sia sul mozzo che sul disco freno.

È di fondamentale importanza la precisione e il rispetto delle tolleranze in quanto l’accoppiamento deve essere di tipo flottante, quindi lasciando in prestabilito gioco tra i 2 componenti.

Al suo interno è contenuta una cava per anello seeger che consente la tenuta assiali.

 

Ringraziamo la torneria B.C.Z. per la grandissima qualità e serietà mostrata nella realizzazione di questi componenti.

logo torneria bcz snc.png
 
CENTRO RADIATORI_edited.jpg
 
CENTRO RADIATORI

Il case Low Voltage è prodotto completamente in alluminio ed ha il compito di racchiudere al suo interno le batterie, le quali alimentano la linea in bassa tensione della vettura e il DC/DC Converter.
Il case, inoltre, ha bisogno di un adeguato sistema di raffreddamento ad aria per mantenere tutti i componenti alla giusta temperatura per un corretto funzionamento.

L’azienda ci ha fornito anche i radiatori e il vaso di espansione per il circuito di raffreddamento ad acqua. I radiatori sono fondamentali per dissipare il calore generato dai motori e dall’inverter, mentre il vaso di espansione è importante per contenere eventuali dilatazioni del fluido e per evitare eventuali aumenti di pressione indesiderati.

FEMATIC2_edited.jpg
FEMATIC
 

Le boccole portasnodo sono componenti di piccola dimensione, ma di fondamentale importanza per la costruzione dei triangoli del sistema sospensivo di tipo double wishbone e dei tiranti del sistema sterzante.

Queste vengono legate, tramite un adesivo strutturale, a tubi realizzati in fibra di carbonio, andando così a comporre i braccetti della nostra autovettura. Esternamente, si presentano come corpi cilindrici in acciaio C40 di due diversi diametri collegati da una parte svasata atta a garantire il centraggio con il tubo in carbonio, con foro madrevitato così che possano essere avvitati gli snodi sferici e il dado, come da regolamento.

RAPIDHARNESS
RapidHarnessLogoLarge.png

Il progetto del cablaggio di una vettura monoposto full-electric come la T-One realizzata dal team UniNaCorse E-Team della Federico II è una cosa tutt’altro che semplice.

Uno degli strumenti fondamentali per la realizzazione del wiring della suddetta vettura è risultato essere il software “Rapid Harness”. Questi ha consentito al reparto Electronics ed al reparto PowerUnit la progettazione del wiring sia LowVoltage che HighVoltage in modo estremamente rapido ed efficiente.

 

Su tale software, infatti, si è potuto creare un database di tutti i connettori utilizzati in vettura andando a definire per ciascuno il pinout, ossia una tabella che indica tutte le connessioni dei segnali da collegare su questi ultimi.

 

Si è potuto realizzare uno schema di collegamento che tenesse conto dell’effettivo posizionamento in vettura del cablaggio con tutti i nodi e le diramazioni del caso.